Sito web ufficiale dell'Archivio
della Provincia Agostiniana d'Italia

Documento

Documento

Scheda manoscritto


CNMD\0000300602

Composito di 3 elementi.
Le unità codicologiche non sono descritte separatamente.

Manoscritto cartaceo, guardie cartacee; fascicoli legati; 1614-1764 data stimata (il terminus post quem è dato dall'anno di pubblicazione della componente a stampa, il terminus ante quem è ricavato dalla nota presente a c. 340v); cc. I + 346 + I; nel volume - a stampa - si trovano legati due elementi manoscritti, privi di numerazione:
- tra le cc. T7 e T8: due carte (qui indicate come cc. 187bis-187ter);
- alla fine del corpo del volume a stampa: una carta (qui indicata come c. 340).

Dimensioni: mm 510 x 380 (c. A1), mm 490 x 360 (c. 187ter), mm 490 x 380 (c. 340).

Mancanze:
cc. ✝1, 2L10 mancanti.

Parti a stampa:
corale a stampa: Area del titolo: Graduale de sanctis. Iuxta ritum sacrosanctae Romanae Ecclesiae. Cum cantu Pauli V. pont. max. iussu reformato. - Area della pubblicazione: Romae : ex Typographia Medicaea, 1614 (Romae : ex Typographia Medicaea, 1615). - Area della descrizione fisica: [5], 339, [1] c. : mus. ; atlantico. - Area delle note: Frontespizio in cornice figurata xilografica sormontata dallo stemma di Paolo V. - Frontespizio e testo in rosso e nero. - Index proprii de sanctis alle c. 3✝r-5✝v. - Marca (V234-Z1031) al colophon: In un campo arato una mano che esce dalle nuvole getta semi. A terra un aratro. Motto: In exultatione metent. - Notazione quadrata nera su tetragramma rosso. - Iniziali xilografiche. - Segnatura: 5✝ A-2L10. - Impronta: uemi m.am a.e- Pseo (3) 1614 (R). - Identificativo SBN, BID: RT1E004797.

Fascicolazione:
I/2 (cc. 187bis-187ter), 1 c. (c. 340).

Foratura:
cc. 187bis-187ter: non visibile.

Rigatura:
cc. 187bis-187ter: a mina di piombo.

Specchio rigato:
cc. 187bis-187ter: mm 394 × 287 (c. 187terr).

Righe:
cc. 187bis-187ter: rr. 14/ll. 7 (c. 187terr).

Disposizione del testo:
cc. 187bis-187ter: a piena pagina.

Scrittura e mani:
cc. 187bis-187ter: gotica corale.

Stato di conservazione:
alcune carte presentano danni da umidità o strappi, ma in generale in buono stato di conservazione; vari interventi di restauro antichi.

Inchiostro:
cc. 187bis-187ter: rosso e nero.

Decorazione
Databile 1614-1764.

Altri elementi
Alle cc. 187bisr-187bisv: iniziale incipitaria decorata policroma e campita; iniziali decorate in rosso o blu, talvolta ornate da filigrana.

Musica:
Notazione musicale , di tipologia quadrata; note in nero, righi in rosso, linee per rigo quattro; alle cc. 187bis-187ter sette tetragrammi per pagina, con notazione quadrata nera su righi in rosso; a c. 340 otto tetragrammi, con notazione quadrata nera su righi in nero.

Legatura:
1701-1800.

Assi in legno.

Coperta, mezza pelle.

Elementi metallici: borchie, bindelle, sul dorso cinque nervi a vista; sui piatti cinque borchie metalliche disposte 2-1-2 (di cui deperdita la centrale del piatto posteriore) e due bindelle, con i tenoni posti sul piatto anteriore; lungo i bordi dei piatti alcuni chiodi stondati; tagli tinti di rosso.

Il volume riutilizza la legatura di uno dei corali manoscritti di Sant’Agostino di Siena, e in particolare del corale segnato N (sul piatto anteriore è, difatti, presente, tale indicazione manoscritta, vergata - su di un’etichetta cartacea - in inchiostro rosso e racchiusa da una semplice cornice a tratto doppio in inchiostro nero). La legatura è stata legata in senso inverso rispetto all’orientamento originario.

Storia del manoscritto:
Il volume fa parte di un gruppo di corali che appartennero al convento di Sant’Agostino di Siena (sul quale si vedano ARCHIVIO DI STATO DI SIENA, Guida-inventario dell'Archivio di Stato, I, pp. 22-23, Die Kirchen von Siena, I e Associazione storico-culturale S. Agostino, s.v. Chiesa di S. Agostino di Siena). Esso riutilizza la legatura dell’originario corale segnato “N” (non conservato, ma descritto nel Repertorio di tutte l'antifone, che si ritrovano ne libri ad uso del coro de reverendi padri di Sant'Agostino di Siena, fatto, e rinnovato l'anno 1729 fatto per opera del padre baccelliere fra Antonio Luigi Corsini coll'occasione, che il reverendo signore Agostino Raffaelli cappellano della Metropolitana di Siena ha aggiunto, e rimodernato, e rifattoci la magior parte delle lettere grandi nelli sudetti libri a spese del convento redatto da Antonio Luigi Corsini nel 1729, cfr. ms. 19, c. 6r-v). Con esso si trovano legati due elementi manoscritti, rispettivamente cc. 187bis-187ter e 340, al verso di quest'ultima è stata apposta una Nota delle sepolture delle famiglie viventi di Sant'Agostino di Siena 1764. Successivamente i corali furono trasferiti nel convento di Santa Maria in Selva sito a Borgo a Buggiano (Pistoia). Da qui, nei primi anni del secolo XXI, il volume, insieme all'intero gruppo di corali, è infine giunto presso l’attuale sede di conservazione.

Nomi collegati alla storia:
*Convento di *Sant'*Agostino <O.E.S.A. ; Siena>, possessore

*Convento di *Santa *Maria in *Selva <O.E.S.A. ; Borgo a Buggiano>, provenienza
 

Descrizione interna


cc. ✝2r-2L9v


Titolo identificato: Graduale de sanctis. Iuxta ritum sacrosanctae Romanae Ecclesiae. Cum cantu Pauli V. pont. max. iussu reformato
Note: cfr. Indice SBN, BID: RT1E004797.

Note al testo:
a stampa.
 

Descrizione interna


cc. 187bisr-187terv


Titolo presente: In festo beatae Mariae virginis de consolatione (c. 187bisr)

Osservazioni:
Sono presenti i seguenti canti: “Astitit regina a dextris tuis”, “Eructavit cor meum verbum bonum”, “Dico ego opera mea regi”, “Sonet vox tua in auribus meis”, “Odor vestimentorum tuorum”, “Cingulo suo confortavit nos”, “Iustitia cingulum lumborum eius”, “Myrrha et gutta et casia”, “Sentiens vestimentorum illius”, “Sub tuum praesidium”.

Per l'identificazione dei canti si vedano: Corpus Antiphonalium Officii, voll. I-VI; Cantus IndexThe Gregorian RepertoryCantus: A Database for Latin Ecclesiastical Chant - Inventories of Chant Sources.
 

Descrizione interna


c. 340r


Titolo presente: De profundis tenebrarum (c. 340r)

Osservazioni:
Per l'identificazione del canto si vedano: Corpus Antiphonalium Officii, voll. I-VI; Cantus IndexThe Gregorian RepertoryCantus: A Database for Latin Ecclesiastical Chant - Inventories of Chant Sources.
 


Fonti
Antonio Luigi CORSINI, Repertorio di tutte l'antifone, che si ritrovano ne libri ad uso del coro de reverendi padri di Sant'Agostino di Siena, fatto, e rinnovato l'anno 1729 fatto per opera del padre baccelliere fra Antonio Luigi Corsini coll'occasione, che il reverendo signore Agostino Raffaelli cappellano della Metropolitana di Siena ha aggiunto, e rimodernato, e rifattoci la magior parte delle lettere grandi nelli sudetti libri a spese del convento, 1729 (Viterbo, Archivio storico, Biblioteca centrale e Raccolte artistiche della Provincia Agostiniana d'Italia, Sant'Agostino di Siena, ms. 19); ARCHIVIO DI STATO DI SIENA, Guida-inventario dell'Archivio di Stato, I, Roma 1951 (Ministero dell'Interno - Pubblicazioni degli archivi di Stato, 92); Corpus Antiphonalium Officii, voll. I-VI, editum a Renato-Joanne Hesbert, adjuvante Renato Prevost, Roma, Herder, 1963-1979; Die Kirchen von Siena, herausgegeben von Peter Anselm Riedl und Max Seidl, I, Abbadia all'Arco-S. Biagio, Munchen, Brückmann Verlag, 1985; Associazione storico-culturale S. Agostino, s.v. Chiesa di S. Agostino di Siena: <http://www.cassiciaco.it/navigazione/monachesimo/chiese/italia/toscana/siena.html> (sito consultato il 20/04/2021); Cantus Index: <http://www.cantusindex.org/> (sito consultato il 19/04/2021); The Gregorian Repertory: <https://gregorien.info/en> (sito consultato il 19/04/2021); Cantus: A Database for Latin Ecclesiastical Chant - Inventories of Chant Sources: <https://cantus.uwaterloo.ca/> (sito consultato il 19/04/2021); Indice SBN, BID: RT1E004797.
 


Progetto: Catalogazione dei corali manoscritti dell'Archivio della Provincia Agostiniana d'Italia
Autore della scheda: Lucrezia Signorello
Tipologia: scheda di prima mano
Data creazione: 19/04/2021 Data modifica: 03/05/2021
CNMS: CNMS\\0000218858

Logo

Chi siamo

Sette secoli di documenti che raccontano una storia ancora più antica di 1700 anni. L'Ordine di Sant'Agostino in Italia.


Contattaci